Nov 28

Depositati i ricorsi al TAR ed al Capo dello Stato avverso il decreto-moduli

Informo tutti che, nella giornata del 23 novembre u.s. abbiamo depositato al TAR Lazio tre distinti ricorsi avverso il decreto moduli pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 13 luglio u.s. per complessive 185 posizioni.
Abbiamo infatti scelto di differenziare in gruppi le diverse posizioni, per meglio sviluppare i motivi di ricorso in funzione delle caratteristiche dei ricorrenti
Nel dettaglio:
Ricorso emofilici e talassemici 145 posizioni rg 9845/2012
Ricorso occasionali ante 1978 12 posizioni rg 9840/2012
Ricorso occasionali post 1978 24 posizioni rg 9843/2012
I ricorsi sono stati tutti assegnati alla Sezione Terza Quater
Per tutelare la riservatezza dei ricorrenti è stata contestualmente formulata istanza di omissione dei dati personali, che quindi non saranno visibili alla consultazione pubblica del sito www.giustizia-amministrativa.it nella pagina riferita allo specifico ricorso.
Per quanto riguarda invece il ricorso straordinario al Capo dello Stato lo stesso è stato depositato presso il Ministero della Salute e presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze e riguarda altre 31 posizioni.
Da ultimo comunico che è in fase di redazione il ricorso alla CEDU, il cui termine di scadenza è fissato nei primi giorni del 2013
Cordiali saluti

Avv. Simone Lazzarini

Approfondimento pubblicato il 28 novembre 2012 - Tutti i diritti riservati Studio Legale Lazzarini.


  1. sonia 28 Nov 2012 | Rispondi

    Eg. avvocato qualcuno sul blog 210 propone tra gli altri una sua candidatura al governo o al parlamento avvocato ci pensi avrebbe sicuramente 7000 voti più i parenti dei danneggiati,lei sembra essere la persona più adatta per questo è preparatissimo e conosce molto il problema di noi danneggiati abbiamo bisogno di lei a Roma.

  2. Paolo 30 Nov 2012 | Rispondi

    Gent.le Avvocato,
    ma al ricorso al TAR si applica la sospensione feriale? Mi sembrava di aver capito che il termine per il ricorso al TAR scadesse l’11 ottobre 2012.

    • Simone Lazzarini 1 Dic 2012 | Rispondi

      Egregio Signor Paolo,
      al termine per la notifica del ricorso al TAR, in caso di non richiesta della sospensiva, si applicava il termine di sospensione feriale, con la conseguenza che il termine ultimo per la notifica era il 27 ottobre u.s.
      Per i ritardatari era comunque possibile optare per il ricorso steaordinario al Capo dello Stato, da depositare presso i Ministeri entro i 120 giorni dalla pubblicazione del decreto – moduli in Gazzetta Ufficiale e dunque entro e non oltre il 10 novembre u.s. , considerato che – trattandosi di rimedio non processuale – non poteva applicarsi la sospensione dei termini.
      Cordiali saluti

      Avv. Simone LAZZARINI

  3. Andrea 18 Gen 2013 | Rispondi

    caso di risarcimento danno sangue infetto a Trapani http://www.gds.it/gds/edizioni-locali/trapani/dettaglio/articolo/gdsid/235894/

  4. Fabio 23 Gen 2013 | Rispondi

    Buongiorno Avvocato,
    dalla data in cui sono stati depositati i 3 ricorsi,
    quanto tempo può decorrere prima di avere un riscontro?

    Grazie

    • Simone Lazzarini 23 Gen 2013 | Rispondi

      Egregio Signor Fabio,
      non sono in grado di fare una previsione sul momento in cui i tre ricorsi andranno in decisione.
      In ogni caso mi risulta che, degli oltre quaranta ricorsi complessivamente presentati, due saranno discussi il 27 febbraio ed un terzo il 10 aprile.
      Non è da escludere, ma dipenderà dal contenuto della decisione, che l’esito di tali ricorsi possa in qualche modo influenzare anche gli altri.
      Per parte mia ho comunque depositato istanza di prelievo finalizzata ad una celere trattazione del ricorso.
      Può comunque seguire gli eventuali successivi sviluppi del ricorso al quale ha partecipato collegandosi a questa pagina web (ho ottenuto l’omissione delle generalità dei ricorrenti per tutelare la vostra privacy):
      http://www.giustizia-amministrativa.it/WEBY2K/DettaglioRicorso.asp?val=201209845
      Rimango a disposizione per ogni eventuale ulteriore chiarimento
      Cordiali saluti

      Avv. Simone LAZZARINI

Lascia un commento

Cancella tutti i campi